Un gemellaggio con l’Esperanto

Siamo in gara, siamo in gara per il Campionato di giornalismo, e, se ci aiutate, vogliamo vincere perché crediamo nella nostra iniziativa. Per vincere ci serve il Vostro voto, Vi ringraziamo subito, perché apprezzerete quanto abbiamo fatto e stiamo facendo. Vogliamo ringraziare quanti già ci hanno votato, grazie di cuore, ma non basta, non siamo ancora dove vogliamo arrivare: primi in classifica. Lo merita la lingua universale, comunicazione e dialogo, amicizie invece delle guerre, lavoriamo per una pace mondiale.

Vota questo articolo

Aliaj kontribuoj

Biblioteko

sekcio dediĉita nur al iuj libroj enhavitaj en la vasta biblioteko de la ŝtataj arkivoj en Massa.

Vizitu la sekcion

Rimedoj

Iuj filmoj pri la agadoj realigitaj de la Esperantisti-grupo en Massa kaj Carrara.

Rigardi filmojn

Eventoj

Sekvu novaĵojn, ne perdu la planitajn eventojn kaj revivigi la pasintajn iniciatojn de la Asocio.

Ne perdu la eventon

Fotoj

Vasta kolekto de publikigadoj, bildoj, broŝuroj pri la monda historio de Esperanto.

Aliri la galerion

Una biblioteca di livello mondiale e il gemellaggio tra Massa e Bad Kissingen sono i segni più forti in terra apuana dell’Esperanto, lingua nata per unire i popoli e studiata nella nostra città dagli anni Sessanta ad oggi da migliaia di studenti.

I suoi segreti li hanno svelati l’altro pomeriggio Alessandro Simonini ed Enrico Gaetano Borrello, referenti del Gruppo esperantista massese, durante l’incontro nella Biblioteca nell’Archivio di Stato di Massa. Quest’anno ricorrono i sessant’anni del gemellaggio tra Massa e Bad Kissingen. Come è nata l’idea? «Il gemellaggio è nato all’interno della comunità esperantista.

L’evento che ha legato Massa alla città bavarese – ha spiegato Simonini – fu celebrato il 20 aprile del 1960. La guerra era finita da 15 anni e c’era ancora animosità e sospetto tra il popolo italiano e quello tedesco. Per questo i fratelli Mario e Catina Dazzini e il tedesco Hugo Röllinger, tutti esperantisti, vollero un patto di riconciliazione tra i due popoli.

Dopo anni di impegno e di costanti sollecitazioni del Presidente del Gruppo Esperantista Massese, Alessandro Simonini, il Comune di Massa ha portato a termine tutto l’iter burocratico per l’intitolazione della piazza a Catina e Mario Dazzini, come richiesto anche da molte associazioni culturali massesi e dal Consorzio Zona Industriale Apuana, dove Mario ha lavorato molti anni.

Fino al giorno prima non era stata ancora installata dal Comune l’insegna con il nome della piazza, quindi è stata grande la sorpresa e il piacere provati da Luisa Madella, da Raffaele Franceschini (arrivati in rappresentanza rispettivamente dell’ILEI e della FEI) e da me, quando siamo arrivati sul posto verso le 8:30 e abbiamo ammirato la tabella nuova di zecca.

Eravamo tristemente organizzati a posare una nostra targa in ceramica, fatta con arte da Annalisa Bisogni, che volevamo installare, provvisoriamente su un paletto della piazza, con un sistema di carrucole preparato da Alessandro … Quindi per fortuna niente di tutto questo, la targa la utilizzeremo diversamente.